Ganesh – così come mi è stata presentata – è una realtà imprenditoriale che si muoverà nell’ambito della comunicazione, della formazione e dei servizi in generale.

Eclettica e ricca dunque la sua attività, come eclettica è anche il carattere della divinità indiana: una testa di elefante, ventre pronunciato, diverse braccia e molteplici simboli accompagnano la sua figura, sebbene i fedeli che si rivolgono a lei cercano saggezza, calma e forza per superare gli ostacoli. Dunque il primo obiettivo che mi sono imposta nell’ideazione del logo è stato quello della sintesi. Tenuto conto del rigore e della leggibilità che un logo deve avere per essere efficace ho pensato a un segno che potesse fare da sunto alle diverse attività e aspetti.

Nasce così l’idea della virgola che rimanda alla scrittura, alla pausa e alla moderazione che sia al tempo stesso però anche una testa di elefante, elemento predominante nell’iconografia della divinità.

Per il colore ho voluto mantenere l’intenzione della riflessione e della moderazione pensando a questo verde atipico, che si colloca quasi alla fine della gamma dei verdi e all’inizio dei blu.

Il lettering invece si impone con un font forte e determinato. senza grazie ed essenziale.